Lo scambio di grandi dimensioni mostra una crescita di 10 volte nella base di utenti

0


L'exchange di criptovalute indiano WazirX ha registrato una crescita significativa della sua base di utenti e del volume degli scambi nel corso dell'anno. Hanno affermato che la base di utenti della piattaforma è cresciuta fino a 10 milioni nel 2021, il che rappresenta un aumento di dieci volte.

Il volume degli scambi del 2021 di WazirX fino ad oggi è stato di circa 38 miliardi di dollari, secondo CoinDesk, con un aumento mese su mese del 44%.

Hanno avuto un'importante impennata del 2,648% negli utenti che si sono registrati alla piattaforma da alcune delle più grandi città dell'India, Mumbai, Delhi, Kolkata, Chennai, Bengaluru e Hyderabad (Livello II e Livello III), dove il trading di criptovalute aveva già segnalato la scadenza prima con alti tassi di interesse e transazioni in utenti sotto i 35 anni.

Hanno affermato che questa crescita sana ha visto anche un grande sostegno e interesse da parte delle donne investitrici nelle aree, che hanno aumentato dal 30% al 40% la base di utenti entro settembre.

Secondo quanto riferito, l'India ha uno dei mercati delle criptovalute in più rapida crescita al mondo, con un aumento annuo del 641%, secondo Chainalysis:

I grandi trasferimenti di dimensioni istituzionali superiori a $ 10 milioni di criptovaluta rappresentano il 42% delle transazioni inviate da indirizzi con sede in India, contro il 28% per il Pakistan e il 29% per il Vietnam. Questi numeri suggeriscono che gli investitori indiani in criptovalute fanno parte di organizzazioni più grandi e sofisticate.

Fonte: rapporto Chainalysis 2021 sulla geografia delle criptovalute

Letture correlate | Gli investimenti indiani nelle criptovalute crescono rapidamente quando si raggiunge la pietra miliare di $ 40 miliardi

Verso l'alfabetizzazione cripto

Nell'ultimo anno, WazirX si è concentrato su una strategia che mira a far crescere l'alfabetizzazione cripto in India fornendo trasparenza e diverse fonti di istruzione. Per questo motivo, lo scorso ottobre hanno lanciato il primo rapporto sulla trasparenza dell'exchange di criptovalute indiano, in cui affermavano quanto segue:

ci impegniamo a diffondere le informazioni giuste ai nostri utenti promuovendo un ambiente favorevole per aiutarli a fare scelte informate.

Tra i loro sforzi, il CEO di WazirX Nischal Shetty ha condotto una campagna Twitter con l'hashtag #IndiaWantsCrypto con lo scopo di condividere approfondimenti sulla criptovaluta e creare consapevolezza sul settore, "che genera migliaia di posti di lavoro, per non parlare di grandi quantità di valore monetario".

Hanno anche lanciato una serie di YouTube, 'Blockchain Papers', e un podcast. Tutto per far crescere la comprensione da parte dell'utente della propria piattaforma, chiarire paure e malintesi. Stanno anche collaborando con istituzioni educative, come IIT, IIM e Delhi University.

Affrontare la disinformazione e sfatare le idee sbagliate sulle criptovalute è solo uno dei modi in cui pensiamo possa aiutare i nostri utenti a prendere decisioni informate sugli investimenti in criptovalute.

Questi progetti hanno anche lo scopo di aprire percorsi tra l'industria delle criptovalute e i responsabili politici del paese, sperando che informazioni più diffuse aiutino a regolamentare.

Scambi crittografici Speranza per i regolamenti

L'adozione delle criptovalute ha avuto un percorso difficile in India nel corso degli anni. Lo scenario non è abbastanza chiaro, anche se molti utenti e scambi di criptovalute rimangono fiduciosi che le future normative portino chiarezza e possibilità di crescita nel settore.

Nel 2018 la banca centrale dell'India ha vietato tutte le criptovalute, che hanno avuto molte risposte da parte di investitori ed exchange interessati dalla decisione. In quel periodo, WazirX ha lanciato WazirX P2P "per aiutare gli utenti a comprare/vendere criptovalute con INR" e ha condotto una campagna Twitter di 1000 giorni "per costruire un caso del motivo per cui dobbiamo consentire alle criptovalute di promuovere l'innovazione".

Poi, nel marzo 2020, la Corte Suprema dell'India ha revocato il divieto della Reserve Bank of India (RBI) e lo ha definito "incostituzionale". Il panorama delle criptovalute ha iniziato ad attenuarsi per l'India, il che ha permesso a WazirX di diventare uno dei più grandi scambi di criptovalute del paese.

Le discussioni sui regolamenti iniziarono a sorgere allora. Gli scambi e gli investitori di criptovalute indiani hanno partecipato a riunioni informali con le forze dell'ordine e le banche nella speranza di raggiungere un punto di amicizia.

Le aspettative sono che il governo classifichi bitcoin come una classe di attività e che il Securities and Exchange Board of India regoli le criptovalute e faccia chiarezza, chiudendo le porte a un altro divieto.

Attualmente, la camera bassa del parlamento ha elencato un incontro con il nome "Udienza delle opinioni di associazioni, esperti del settore in materia di 'CryptoFinance': opportunità e sfide", che si ritiene si svolga nel febbraio 2022. Gli scambi di criptovalute, come WazirX, erano ufficialmente inclusi come invitati per la prima volta e le loro speranze continuano a crescere.

Letture correlate | I rapporti mostrano un aumento del 45% nelle registrazioni di azioni e criptovalute nelle aree rurali dell'India

Capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute a $ 2,7 trilioni nel grafico giornaliero | Fonte: TradingView.com



Leave A Reply

Your email address will not be published.