Il mercato delle criptovalute scuote il freddo di "Evergrande" e torna a premiare gli acquirenti di dip

0


Mercoledì (22 settembre), Bitcoin e altcoin sembrano essersi scrollati di dosso il raffreddore causato dal virus "Evergrande" e si sono ripresi con forza, premiando i fedeli che hanno continuato a TENERE e/o hanno approfittato delle opportunità di acquisto in ribasso.

Secondo un rapporto pubblicato dalla CNBC il 16 settembre, verso la fine della scorsa settimana, gli analisti dicevano agli investitori che la crisi del debito da 300 miliardi di dollari dello sviluppatore immobiliare cinese Evergrande avrebbe potuto causare enormi problemi non solo all'interno della Cina, ma anche al di fuori della Cina (ad esempio per gli stranieri società che detengono le sue obbligazioni) dopo che l'impresa ha avvertito due volte che poteva essere inadempiente sui propri debiti (cioè non essere in grado di pagare gli interessi).

Mark Williams, capo economista asiatico di Capital Economics, ha dichiarato alla CNBC:

Il crollo di Evergrande sarebbe il più grande test che il sistema finanziario cinese ha dovuto affrontare da anni.

Come puoi vedere nel grafico S&P 500 a cinque giorni di Google Finance, il 16 settembre l'S&P 500 ha chiuso a 4.474,05. E ieri (21 settembre) ha chiuso a 4.353,61.

L'atmosfera di avversione al rischio ha naturalmente anche influito negativamente sul mercato delle criptovalute, con Bitcoin e altcoin che hanno subito perdite percentuali a due cifre rispetto all'USD. Come mostra il grafico dei prezzi BTC-USD a cinque giorni di seguito, sull'exchange di criptovalute Bitstamp, Bitcoin è stato scambiato fino a $ 48.711 il 18 settembre; tuttavia, entro il 21 settembre, il prezzo del Bitcoin era sceso fino a $ 39.708, il che significa che aveva perso il 18,48% del suo valore.

Tuttavia, nelle prime ore di oggi (22 settembre), sono iniziate a fluire buone notizie al di fuori della Cina, che è riuscita a stabilizzare i prezzi di azioni e criptovalute.


<!–

Non in uso

–>


<!–

Non in uso

–>

Poi, un paio d'ore dopo, Bloomberg ha riferito che la banca centrale cinese aveva iniettato 120 miliardi di yuan (18,6 miliardi di dollari) nel sistema bancario, il che ha contribuito a calmare ulteriormente i nervi degli investitori.

Più tardi nel corso della giornata, ci sono state ulteriori buone notizie per quanto riguarda Evergrande, con Asia Markets che ha riferito che secondo fonti vicine al governo cinese gli hanno detto che "un accordo che vedrà la Cina Evergrande ristrutturata in tre entità separate è attualmente in fase di finalizzazione da parte dei cinesi Partito Comunista e potrebbe essere annunciato in pochi giorni”.

Al momento in cui scriviamo (17:05 UTC del 22 settembre), Bitcoin viene scambiato intorno a $ 43.214, in rialzo dell'1,87% nelle ultime 24 ore.

Per quanto riguarda le altcoin, stanno crescendo ancora più duramente di Bitcoin, con Ethereum (ETH), Cardano (ADA) e Solana (SOL) che attualmente registrano guadagni del +4,57%, 6,52% e 9,02% nelle ultime 24 ore. .

Infine, vale la pena ricordare che, nonostante il recente crollo del mercato delle criptovalute, i prezzi delle criptovalute sono generalmente molto più alti oggi rispetto a solo un anno fa. Ad esempio, come ha sottolineato l'analista di criptovalute Lark Davis con sede in Nuova Zelanda, un anno fa, Bitcoin veniva scambiato intorno a $ 10.000.

Disclaimer

Le opinioni e le opinioni espresse dall'autore, o da qualsiasi persona citata in questo articolo, sono solo a scopo informativo e non costituiscono consulenza finanziaria, di investimento o di altro tipo. Investire o scambiare criptovalute comporta il rischio di perdite finanziarie.

Credito immagine

Immagine di "SanFermin" da Pixabay

.(tagsToTranslate)Bitcoin(t)altcoin(t)crypto



Leave A Reply

Your email address will not be published.